14 novembre 2013

MOBILI IN CARTONE

Oggi vi parliamo di due progetti di SHOWROOM FINLAND.
---
Today we are featuring 2 series of products by SHOWROOM FINLAND.

Kasaa è un sistema di scaffalatura modulare, con il quale si possono creare numerose combinazioni con due unità di dimensioni diverse. Ogni unità si può montare senza bisogno di colla o di accessori aggiuntivi.
Designer Teemu Järvi.
---
Kasaa is a modular shelving system, where numerous combinations can be created with two different sized units. Each unit folds up with two flat-packed cardboard sheets without the need for glue or additional fittings.
Designer Teemu Järvi.



La serie Kenno è invece composta da tre prodotti di cartone: una sedia per bambini, una da adulti e uno sgabello, che può fungere da piano d'appoggio. Il tutto sempre in cartone.
Il designer è Heikki Rouho.
Bellissimi, vero?
----
Kenno series consist of three strong cardboard products: adults’ chair, kids’ chair and a stool. Designer is Heikki Ruoho, freelance industrial and furniture designer as well as teacher of design. 
They are lovely, aren't they?



 

4 commenti:

serena (io imparo con la felicità) ha detto...

questo è bellissimo! mi piacciono molto i mobili di cartone ma in genere sono realizzati con fogli più sottili che non mi convincono, soprattutto se usati per i bambini. questo invece mi sembra perfetto!!

Roberta ha detto...

Ciao, vorrei segnalare un designer italiano che realizza mobili in cartone, Andrea Brugnera.
Questo il suo sito con una carinissima stanza per bambini: http://www.andreabrugnera.it/stanza-giochi-cartone/

serena (io imparo con la felicità) ha detto...

la sedia sembra proprio la stessa...qualcuno copia qualcuno??

Andrea Brugnera ha detto...

Grazie Roberta per avermi segnalato, conoscevo già i lavori di Teemu Järvi, la mia sedia è stata disegnata nel 2008 per la tesi con cui mi sono laureato, mentre il tipo di cartone utilizzato da Teemu Järvi per i suoi progetti (si chiama reboard, fabbricato in Svezia) è in commercio dal 2011. Questo per dire che non ci siamo copiati, a volte in un processo di design si può arrivare a risultati simili e in tempi diversi, chi prima e chi dopo.